Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy


Avvisi

FATTURAZIONE ELETTRONICA

- Comunicazione agli operatori economici -

Il Decreto Ministeriale n. 55 del 03/04/2013, entrato in vigore il 06/06/2013, ha fissato la decorrenza degli obblighi di utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con la Pubblica Amministrazione ai sensi della Legge n. 244/2007, art. 1, commi da 209 a 214.

In ottemperanza a tale disposizione, questa Autorità d’Ambito, a decorrere dal 31 MARZO 2015, non potrà più accettare fatture che non siano trasmesse in forma elettronica secondo il formato di cui all’allegato “A” del citato D.M. n. 55/2013.

 Inoltre, trascorsi tre mesi dalla suddetta data, questa Autorità d’Ambito non potrà procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino alla ricezione della fattura in formato elettronico.

Per le finalità di cui sopra, l’art. 3, c. 1, del D.M. n. 55/2013 prevede che l’Amministrazione individui i propri Uffici deputati alla ricezione delle fatture elettroniche inserendoli nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), che provvede a rilasciare per ognuno di essi un Codice Univoco Ufficio secondo le modalità di cui all’allegato “D”.

Il Codice Univoco Ufficio è una informazione obbligatoria della fattura elettronica e rappresenta l’identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall’Agenzia delle Entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all’ufficio destinatario.

Si comunica che il Codice Univoco Ufficio dell’Autorità d’Ambito n. 1 Verbano Cusio Ossola e Pianura Novarese è il seguente: UFX46M.

A completamento del quadro regolamentare, si segnala che l’allegato “B” del D.M. in argomento contiene le modalità di emissione e trasmissione della fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione per mezzo dello SdI, mentre l’allegato “C” riguarda le operazioni per la gestione dell’intero processo di fatturazione.

Si ricorda altresì che, ai sensi dell’art. 25 del Decreto Legge n. 66/2014 (convertito con modificazioni dalla Legge n. 89/2014), al fine di assicurare l’effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, le fatture elettroniche emesse verso le medesime dovranno riportare il codice identificativo di gara (CIG) ed il codice unico di progetto (CUP), ove previsti.

Si invita infine a consultare il sito www.fatturapa.gov.it nel quale sono disponibili ulteriori informazioni in merito alle modalità di predisposizione e trasmissione della fattura elettronica. 


SCISSIONE DEI PAGAMENTI (SPLIT PAYMENT)

- Comunicazione agli operatori economici -

Si informa che la Legge n. 190/2014 (legge di stabilità 2015), all’art. 1, comma 629, lettera b), ha introdotto il meccanismo della scissione dei pagamenti (c.d. split payment) per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate nei confronti delle pubbliche amministrazioni (tra cui questa Autorità d’Ambito ), stabilendo che le stesse sono tenute a versare l’IVA esposta in fattura direttamente all’Erario e non al fornitore (cedente/prestatore). Il meccanismo dello split payment opera con riguardo alle fatture emesse a decorrere dal 1° gennaio 2015. Il decreto attuativo dello split payment (D.M. 23 gennaio 2015) precisa che i fornitori delle pubbliche amministrazioni devono emettere fattura con l'annotazione "scissione dei pagamenti". Si raccomanda la puntuale osservanza delle norme sopra richiamate e si precisa infine, che il meccanismo dello split payment non si applica alle fatture relative ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito, come il caso dei professionisti per i quali l'Ente effettua la ritenuta d'acconto, e alle fatture emesse in regime di reverse charge.