Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy

Relazione tecnico gestionale 2014 - 2015

Relazione tecnico-gestionale relativa all’erogazione del servizio idrico integrato nel periodo 2014-2015.


Piano idrico generale della Missione “Casa di Nazareth” in Uganda

Autorità d’Ambito e Rotary Club Pallanza-Stresa uniti nel Piano Idrico a Mbarara (Uganda).

L'Autorità d’Ambito “Verbano Cusio Ossola e Pianura Novarese”, nel ruolo di Ente competente nell'organizzazione, affidamento e controllo della gestione del servizio idrico integrato nelle province del VCO e NO, finanzia annualmente,nell'ambito delle attività di cooperazione internazionale,

Bambini la realizzazione di infrastrutture idriche (acquedotto, fognatura e depurazione) a favore di paesi in via di sviluppo. L’assegnazione di contributi a favore di interventi di cooperazione internazionali si attua a seguito di bando pubblico annuale a cui possono partecipare Enti Locali, associazioni, istituti e organizzazioni non governative (ONG) presenti sul territorio di competenza

La competenza in merito all’approvazione di un progetto di cooperazione internazionale compete alla Conferenza d’Ambito costituita dai sindaci rappresentanti del territorio delle due province.

Nel dicembre scorso la Conferenza d’Ambito, presieduta dal Presidente Diego Sozzani, ha deliberato il finanziamento di un progetto di cooperazione internazionale a favore del Rotary Club Pallanza-Stresa, titolo del progetto: Piano idrico generale della Missione “Casa di Nazareth” in Uganda. Tale intervento, la cui realizzazione risulta oggi completata, ha permesso la realizzazione di un sistema di raccolta di acqua piovana in vasche sotterranee o seminterrate collegate tra loro a servizio di un polo giovanile nell’area di Nyamityobora – Mbarara per un volume di accumulo complessivo pari a circa 242.000 litri.

I beneficiari diretti, a completamento dell’intero progetto (scuola primaria, scuola secondaria, centro di aggregazione e ricreativo, comunità religiosa), sono circa 1500 persone.

Il contributo erogato di circa 30.000 € ha permesso di dare una risposta alla sete di tanta gente, in particolare ragazzi e ragazze del centro giovanile.

 

Informazioni aggiuntive